· 

Dipendenza affettiva? Riconoscerla per agire.

Dipendenza affettiva? Come agire per uscirne.

Sviluppare una sana relazione affettiva rende felici e grati di poter condividere la propria vita in compagnia di un’altra persona. In queste relazioni entrambi i partner si sentono riconosciuti e valorizzati, accettati per quello che sono, sostenuti quando hanno bisogno di aiuto, facilitati nel percorso di sviluppo personale; presente la capacità di generare un equilibrio tra la relazione di coppia e le relazioni esterne alla coppia. Quando viene riconosciuto reciprocamente il diritto dell’altro a prendersi cura della propria indipendenza e ciascuno dei partner si sente libero di prendere delle decisioni per sé, fare delle scelte, esprimere la propria diversità all’interno della coppia.

Quali caratteristiche ha una relazione di dipendenza affettiva?

Una relazione di dipendenza affettiva invece è caratterizzata da una ripartizione del potere interpersonale non equa all’interno della relazione tra i partner: spesso si configura come una relazione tra una persona alla quale viene riconosciuto un potere molto forte ed un’altra che accetta la subordinazione a tale potere.

Una persona con una tendenza alla dipendenza quando ne incontra un’altra con una forte tendenza narcisistico-seduttiva rischia di accettare la subordinazione al potere dell’altro e di conseguenza sottomettersi incondizionatamente; pagando con la propria autonomia e libertà personale, lo sfruttamento emotivo e/o fisico da parte dell’altra persona.

La persona con tratti dipendenti rischia di delegare il proprio benessere e il proprio equilibrio personale all’altro e di non riconoscere legittimità a sé stessa e alle proprie esigenze personali.

Come avviene per altri tipi di dipendenze, anche la dipendenza affettiva è caratterizzata da vere e proprie crisi di astinenza, che vengono sperimentate in assenza del partner e che portano la persona dipendente a ricadere con facilità all’interno della relazione “tossica”.

Per tale motivo è molto difficile per la persona con tratti dipendenti, anche solo ipotizzare una via d’uscita da tale relazione.

Chiederà aiuto ad un professionista, soltanto quando si troverà in una situazione estrema o di evidente pericolo.

Come è possibile liberarsi da una dipendenza affettiva e ritrovare il proprio sé?

Sviluppando la propria assertività e la propria autostima.

Mettendo in contatto la persona con le proprie esigenze e la propria volontà.

Restituendole la capacità di riconoscere e legittimare le proprie emozioni, in modo tale da  riappropriarsi giorno dopo giorno del valore che merita.

 

 

Scrivi commento

Commenti: 0
Visualizza il profilo di Fabrizia Argirò su LinkedIn